gio 11 nov

|

Facebook Live

LIVE STREAMING " CHE SIGNIFICA “MORIRE QUOTIDIANAMENTE A SE STESSI” " a cura di Antonio Pacetti

I biglietti non sono in vendita
Scopri gli altri eventi
LIVE STREAMING " CHE SIGNIFICA “MORIRE QUOTIDIANAMENTE A SE STESSI” " a cura di Antonio Pacetti

Orario & Sede

11 nov 2021, 10:30

Facebook Live

L'evento

Che significa “Morire quotidianamente a se stessi” ?

Nei testi sapienziali dell’Oriente e dell’Occidente, appare questo invito.

Giovedì 11 Novembre, alle ore 10.30, la DIRETTA con Antonio Pacetti affronta questo tema per contribuire a vivere con distacco le sollecitazioni del nostro quotidiano.

Secondo l’esperienza di Antonio, si tratta di FARE attività che danno luce, e quindi sciolgono, credenze abitudini e false informazioni che ci condizionano : in questo modo, siamo già nel “morire a se stessi”, nel morire, cioè, ai propri condizionamenti egoici.

Ma non solo. Si tratta anche di “prepararci” all’unico evento che certamente accadrà a ciascuno di noi: che moriremo. Lo spunto di base è che la morte che ci hanno raccontato, semplicemente non esiste. Prepararsi “in vita” a questo evento, porta a vivere la vita con quella leggerezza che è esito del distacco dalle sollecitazioni del nostro quotidiano.

Nella Diretta di Giovedì 11 Novembre, Antonio presenta un Seminario di quattro ore, che terrà, via zoom, mercoledì 17 e giovedì 18 novembre (dalle ore 18 alle ore 20). Al di là del titolo (La Vita – La Morte : due facce della stessa medaglia) questo è un Seminario orientato a vivere la nostra vita con Leggerezza. Il Seminario, ovviamente, sarà incentrato sul “cosa fare” e sul “come fare” in base alle sue esperienze, a riferimenti scientifici, ad orientamenti spirituali e, anche, al buon senso. Alla fine, questo Seminario ribalta completamente nostre credenze e orientamenti sulla vita e sulla morte.

Il Seminario è a offerta libera e le prenotazioni scadono domenica sera 14 novembre, scrivendo ad apacetti3@gmail.com Per saperne di più: www.numerologiavedica.it.

ANTONIO PACETTI

Sono nato il 1 Settembre 1946 a Firenze. Vivo a Reggello (vicino a Firenze)

Nel 1988, a 42 anni, ho incontrato un indiano, RamPrakash Sharma di Khajuraho, che veniva invitato regolarmente in Italia a tenere conferenze e seminari. Sharma, oltre a dare insegnamenti, utilizzava la Numerologia vedica per dare chiarezza alla fase di vita che uno passava, mettendo in luce i propri talenti, e per dare un ulteriore contributo al percorso spirituale. Sharma decise di trasmettermi questo metodo di lettura della data di nascita, unico ed originale anche perché non esistevano (né tuttora esistono) testi.

Mi ha sempre favorevolmente colpito il fatto che questo specifico Metodo di Lettura non ha riferimenti a Scienze astrologiche od oroscopiche orientali e occidentali.

Da quando ho incontrato Sharma, si è sviluppato in me un processo di crescita che, senza mai far parte di Gruppi organizzati, ha avuto come principali riferimenti: Cristina Campo il cui scritto invita al percepire, Cesare Boni per la conoscenza del percorso dell’anima dalla vita alla morte, Eva Pierrakos per il percorso psicoterapeutico de “il Sentiero”, e recentemente l’anateoresi di Joaquim Grau che invita a stare dalla parte dei Bambini.

Comunque, da più di 15 anni, l’orientamento spirituale, che più mi risuona e mi accompagna, fa riferimento a Ramesh Balsekar e a Tony Parsons.

Inoltre, Sharma dette anche gli spunti per “strutturare” una particolare pratica fisica di intreccio fra Cuore, Respiro, Camminata e Preghiera. Si è quindi strutturato, negli ultimi 26 anni, un metodo unico ed originale di attenzione che rafforza la relazione con se stessi e con gli altri. Da circa sei anni, su invito di amici, ho iniziato ad insegnarlo e l’ho chiamato “La Pace del Cuore”.

Inoltre, a partire dal 1997 ho rivolto l’attenzione ad un tema: la morte. Nella vita, noi ci prepariamo a tutto, che poi non si realizza mai al 100%....ma sull’unica cosa che accadrà certamente a ciascuno, e cioè che moriremo, non ci prepariamo, non sappiamo, ignoriamo….e l’ignoranza crea ovviamente paura.

Poi nel 2001, a causa di un edema faringeo, ebbi una “esperienza” di morte (non di pre-morte). Unendo esperienze, studi e buon senso, ho strutturato un Seminario di circa quattro ore, che svolgo anche on-line, e che, nella seconda parte, insegna come accompagnare un morente.

Le presentazioni delle attività sono in tre brevi video in www.numerologiavedica.it

Antonio Pacetti E-mail: apacetti3@gmail.com

Condividi questo evento